venerdì 1 febbraio 2008

Le cose che non ti spieghi

Domenica sono andato a fare la 3 comuni, una bella gara........, lo scorso anno al 16° ho distrutto il ginocchio, quest'anno è andata meglio...........
Torno a casa contento del lungo fatto a 4,50 di media, contento di aver superato senza difficoltà il salitone di un paio di km, contento di aver fatto gli ultimi 7 km a 4,35 ......tutto sommato contento per aver fatto un buon allenamento per la preparazione di Londra.
Torno a casa, mangio con mia moglie e mio figlio, mi metto un pò sul divano e ci prepariamo per festeggiare i 4 anni del mio Gormito preferito.
Appena sveglio pubblico la classifica della gara, e via a festeggiare.
Bella festa, mio figlio, vestito da Sommo Luminescente se la tira, al festeggiato tutte le attenzioni!
Giochi, balli, pizza, patatine, torta, tutto quello di bello che si può avere da una festa di compleanno.
Torniamo a casa, contenti della festa riuscita, non ceno perchè stavo scoppiando, accendo il pc e trovo il commento di Brant sul post della classifica "...Non ho parole per quello che ho appena saputo....."
Lo vedo online e gli chiedo che hai saputo?" mi dice "mi dispiace ma è una cosa troppo grossa, telefonami"
A tutto stavo pensando in quel momento in cui ho acceso il telefonino, ma mai avrei pensato di sentirmi dire "Carlo mentre correva si è sentito male ....." il resto non riesco nemmeno a scriverlo.







Come dice Orlando, non ti spieghi a volte perchè certe cose non te le spieghi, non capisci e non riuscirai mai a capire perchè accadono certe cose.
Bisogna solo sapersi preparare, e basta.
In questi giorni sono successe tante cose, peccato che sono state per lo più brutte cose.
Cerchi di fartene una ragione, ma non ci riesci, la ragione non ha senso in questi casi.
Tutti i commenti lasciati sul post che solo dopo più di un ora sono riuscito a fare, non hanno fatto altro che confermare la cosa a cui non credevi, e nello stesso tempo (bruuto a dirlo ma è la verità) ti faceva piacere, piacere nel vedere che tutte quelle persone avevano visto e vissuto in lui una persona buona, burbera e dura al primo impatto, ma buona.
Il judo questo insegna, e lui si che ne sapeva qualcosa, maestro e anche giudice, insegnante di educazione fisica (quanto si incazzava quando gli dicevi così) e runners.
Non lo conoscevo da tanto, un anno però può essere così lungo da sembrarti una vita.
I suoi alunni stavano tutti li, increduli e sconvolti allo stesso tempo, quei ragazzi che "hanno l'aria da sufficenza, che ti snobbano, che ti ridono in faccia quando li riprendi", così a volte li definiva, erano tutti li a piangere il loro professore che in pochi mesi aveva dato loro più insegnamenti di quello che credevano, lo hanno dimostrato le frasi scitte sugli striscioni davanti alla chiesa, li chiamava pensionati, ciokmen, ma gli voleva bene come figli, questo è quello che hanno detto loro stessi.
Una magra, se non pessima figura, l'ha fatta la nostra società sportiva,l'Atleticouisp Monterotondo, se vai sul sito hanno pubblicato la classifica dei 3 comuni ma non hanno scritto niente, nemmeno un "ciao Carlo", pensavo mandassero ai siti locali e consueti un comunicato che descriveva il dolore di una società che ha perso uno dei suoi rappresentanti più significativi........niente di niente di niente di niente.
Zero, un atristezza immensa, ogni volta i miei dubbi trovano sempre più conferme a riguardo, è difficile rimanere in posti del genere.
Alla cena consueta di inizio anno che premia l'atleta dell'anno appena trascorso non andrò, e non credo di andare ad altre cene organizzate, hanno fatto veramente pena.
Brant ha detto di aver proposto una maglia per la Roma-Ostia e per la Maratona di Roma, sono convinto che ce le faremo da soli quelle maglie Brant.
Oggi correndo parlavo con Orlando e Paolo che ero contento che Anna malgrado tutto ha preso la decisione di venire lo stesso a Londra, in fondo era quello che Carlo avrebbe voluto.
Oggi abbiamo chiamato Terramia, e ci ha confermato che il pettorale ormai è stato assegnato e non può essere cambiato di nominativo (ed è giusto che sia così), Anna inviterà una sua amica che farà compagnia a lei e a Valentina, non sà ancora se riuscirà a correre la maratona, ma ha detto che lei sarà lì, e Carlo sarà con noi.
Nei prossimi giorni ci incontreremo per vedere le ultime cose sul viaggio, e con l'occasione mi ha chiesto di scaricargli il gps che portava al polso quella maledetta domenica.........


Un giorno mi disse che durante una gara ha visto davanti il suo rivale di categoria che ogni volta lo trovava in classifica prima di lui sempre per una manciata di secondi, ....è scattato il sorpasso psicologico......verso gli ultimi 4-500 metri gli è passato avanti, petto in fuori testa alta sorpasso a falcate lunghe...........dentro aveva finito la benzina, ma se lo vedevi correre sembrava che era appena partito!
Continueremo come tu ci hai insegnato, affrontare gli ostacoli non evitarli, e quando abbiamo una caduta ci rialzeremo sempre a testa alta.
Domani alle 14 facciamo un lungo di un ora e 40, gli allenamenti sono ripresi, la vita per quanto dura o breve che sia va vissuta intensamente.
Questo senso di tristezza e vuoto che ho in questi giorni, mi accompagnerà ancora per molto tempo.



5 commenti:

Furio ha detto...

Master, appena ho iniziato a leggere le prime righe, avrei voluto risponderti dei nostri figli, che dovrebbero esser nati gli stessi giorni(il mio gormito ne ha fatti 4 Sabato 26)..ma poi il resto...e per quel resto che scrivi mi mancano le parole; in certi situazioni a me mancano, la vita per chi rimane va avanti, possiamo solo prenderla per come viene.
In gamba Master ;)

Marco ha detto...

Che dire, le parole in questi momenti sono il nulla.
Il ricordo nel silenzio, questo si!
Ma deve essere un ricordo dolce, il ricordo di tutto ciò che questa persona ha dato e insegnato.
E sono queste le cose che ci devono portare a sorridere e continuare. Non bisogna fermarsi ne mollare. Questo credo che era il pensiero di vita del buon Carlo (non lo conoscevo, ma ho imparato a conoscerlo dai vostri post e da chi lo conosceva personalmente.

Deluso, come te, dal comportamento della vostra società, sicuramente è stato solo un malinteso, tralaltro non mi sembra un sito aggiornato ne tanto meno curato.
Spero in futuro ci siano iniziative per ricordare Carlo, magari intitolargli la Natalina, oppure una nuova manifestazione….

Bisogna riaccendere i motori e correre dritto alla meta!

Master Runners ha detto...

Grazie ragazzi apprezzo molto i vostri pensieri.
Si Furio, Lorenzo è nato il 24 Gennaio, si passano solo 2 giorni, ed ha una passione sfrenata per i Gormiti!
Vedi Marco, non credo che in questi casi possano esserci malintesi, la classifica di domenica è stata comunque pubblicata, una frase di 10 parole non ha pensato nessuno a pubblicarla, io questa la chiamo indifferenza.

Cristian ha detto...

E' proprio così quando capitano certe cose non sai spiegarti il perchè, pure io al ritorno da un giro lungo in bicicletta qualche anno fa, entrando in paese di Marmirolo, ho trovato una folla di gente attorno ad un mio compagno di squadra a terra ormai senza vita e devo dire che per un po di tempo la voglia di fare se ne era andata completamente, ma poi piano piano come dici tu la vita va avanti e noi con lei.
Tanti auguri a tuo figlio...

Master Runners ha detto...

Grazie Cristian