giovedì 18 dicembre 2008

Per tutti quelli che hanno vissuto così, bei tempi!



-    Noi, che telefonavamo in cabina col gettone

-   Noi, che le nostre mamme mica ci hanno visti con l'ecografia.

-     Noi, che a scuola ci andavamo da soli e da soli tornavamo.

-     Noi, che la scuola durava fino alla mezza e poi andavamo a casa per il pranzo con tutta la famiglia (si, anche con papà).

-     Noi, che eravamo tutti buoni compagni di classe, ma se c’era qualche bullo, ci pensava il maestro a sistemarlo sul serio.

-     Noi, che se a scuola la maestra ti dava un ceffone, mamma a casa te ne dava 2.

-     Noi, che se a scuola la maestra ti metteva una nota sul diario, a casa era il terrore.

-     Noi, che quando a scuola c'era l'ora di ginnastica partivamo da casa in tuta, tutti felici.

-     Noi, che avevamo le tute lucide acetate dell’Adidas che facevano fico, ma erano pure le uniche.

-     Noi, che la gita annuale era un evento speciale e nelle foto delle gite facevamo le corna ed eravamo sempre sorridenti.

-     Noi, che le ricerche le facevamo in biblioteca, mica su internet.

-     Noi, che la vita di quartiere era piacevole e serena.

-     Noi, che andare al mare nei sedili posteriori della 850 di papà o nella 1100 di nonno era una passeggiata speciale e serbiamo ancora il ricordo di un bagno “pulito” ad Rimini o Fregene.

-     Noi, che alla Domenica andavamo sempre al ristorante, perché ogni papà poteva permetterselo, oppure i nonni ci portavano le “pastarelle”.

-     Noi, che facevamo 4 mesi di vacanza al mare, da Giugno a Settembre.

-     Noi, che non avevamo videogiochi, né registratori, né computer. Ma avevamo tanti amici lo stesso.

-     Noi, che per cambiare canale alla TV dovevamo alzarci e i canali erano solo 2.

-     Noi, che andavamo a letto dopo Carosello.

-     Noi, che sapevamo che era pronta la cena perché c'era Happy Days e Fonzie.

-     Noi, che guardavamo allucinati il futuro con “Spazio 1999”.

-     Noi, che se la notte ti svegliavi e accendevi la TV vedevi solo il monoscopio Rai con le nuvole o le pecorelle di interruzione delle trasmissioni.

-     Noi, che ci sentivamo ricchi se avevamo 'Parco Della Vittoria e Viale Dei Giardini'.

-     Noi, che i pattini avevano 4 ruote e si allungavano quando il piede cresceva.

-     Noi, che chi lasciava la scia più lunga nella frenata con la bici era il più fico e che se anche andavi in strada non era così pericoloso.

-     Noi, che dopo la prima partita c'era la rivincita, e poi la bella, e poi la bella della bella.

-     Noi, che avevamo il 'nascondiglio segreto' con il 'passaggio segreto'.

-     Noi, che giocavamo a nomi-cose-animali-città.

-     Noi, che ci divertivamo anche facendo Strega-comanda-colori.

-     Noi, che ci mancavano sempre 4 figurine per finire l'album Panini (celò, celò, celò, celò, celò, celò, mi manca!).

-     Noi, che suonavamo al campanello per chiedere se c'era l'amico in casa, ma che a quelli degli altri suonavamo e poi scappavamo (era il mitico chitarone!).

-     Noi, che compravamo dal fornaio pizza bianca e mortadella per 100 £ire (= € 0,050!) e non andavamo dal dietologo per problemi di sovrappeso, perché stavamo sempre in giro a giocare.

-     Noi, che bevevamo acqua dal tubo del giardino, non dalla bottiglia PET della minerale ed un gelato costava 50 £ire (pari a € 0,025!).

-     Noi, che le cassette se le mangiava il mangianastri, e ci toccava riavvolgere il nastro con la Bic.

-     Noi, che sentivamo la musica nei mangiadischi sui 45 giri vinile (non nell’Ipod) e adesso se ne vedi uno in un negozio di modernariato tuo figlio ti chiede cos'è.

-     Noi, che al cinema usciva un cartone animato ogni 10 anni e vedevi sempre gli stessi tre o quatto e solo di Disney.

-     Noi, che non avevamo cellulari (c’erano le cabine SIP per telefonare) e nessuno poteva rintracciarci, ma tanto eravamo sicuri anche ai giardinetti.

-     Noi, che giocavamo a pallone in mezzo alla strada con l'unico obbligo di rientrare prima del tramonto.

-     Noi, che trascorrevamo ore a costruirci carretti per lanciarci poi senza freni, finendo inevitabilmente in fossi e cespugli.

-     Noi, che ci sbucciavamo il ginocchio, ci mettevamo il mercurio cromo, e più era rosso più eri fico.

-     Noi, che giocavamo con sassi e legni, palline e carte.

-     Noi, che le barzellette erano Pierino, il fantasmaformaggino o c’è un francese-un tedesco-un italiano.

-     Noi, che c'era la Polaroid e aspettavi che si vedesse la foto.

-     Noi, che la Barbie aveva le gambe rigide.

-     Noi, che il 1° Novembre era 'Ognissanti', mica Halloween.

-     Noi, che l'unica merendina era il Buondì Motta e mangiavamo solo i chicchi di zucchero sopra la glassa.

-     Noi, che il Raider faceva concorrenza al Mars.

-     Noi, che a scuola le caramelle costavano 5 £ire.

-     Noi, che si suonava la pianola Bontempi.

-     Noi, che la Ferrari era Lauda e Alboreto, la McLaren Prost, la Williams Mansell, la Lotus Senna e Piquet e la Benetton Nannini e la Tyrrel a 6 ruote!

-     Noi, che la penitenza era 'dire-fare-baciare-lettera-testamento'.

-     Noi, che ci emozionavamo per un bacio su una guancia.

-     Noi, che il Ciao e il Boxer si accendevano pedalando.

-     Noi, che nei mercatini dell'antiquariato troviamo i giocattoli di quando eravamo piccoli e diciamo "guarda! te lo ricordi?" e poi sentiamo un nodo in gola.

-     Noi, che siamo ancora qui e certe cose le abbiamo dimenticate e sorridiamo quando ce le ricordiamo.

-     Noi, che vivevamo negli anni di piombo, in mezzo ad inaudite violenze per lotte sociali e di classe.

-     Noi, che votavamo per i partiti della 1° Repubblica: MSI, DC, PRI, PLI, PSI, PCI, e non per 70 diversi gruppi dai nomi fantasiosi.

-     Noi, che trovammo lavoro tutti e subito. E ci sposammo presto.

 

Noi, che siamo stati tutte queste cose e tanto altro ancora.

Questa è la nostra storia.

17 commenti:

Ezio ha detto...

a vecchio...fortuna che io non me le ricordo tutte ste cose...ma non perche' so' piu' giovane, perche c'ho l'Alzheimer....

Daniele ha detto...

Mamma mia, bellissimo! Che ricordi!!

Gianluca Rigon ha detto...

nostalgia canaglia !

Giulyrun ha detto...

Sembra che hai raccontato la mia infanzia. Mio papà aveva la 850 e quando l'ha comprata è venuto a scuola a prendermi (abitavo a 50 mteri dalla scuola).

NOI CHE TRE CALCI D'ANGOLO VALEVANO UN RIGORE

NOI CHE METTEVAMO LE CARTE SULLA FORCELLA DELLA BICI PER FARLA SEMBRARE UN MOTORINO

NOI CHE FACEVAMO I FUCILI CON LE CAMERE D'ARIA DELLE BICI

NOI CHE LE DONNE "MEZZE NUDE" LE GUARDAVAMO SU POSTALMARKET

carlo ha detto...

noi che le see d'estate giocavamo a nascondino o a farci i gavettoni

uscuru ha detto...

noi ke mettevamo gli stekki del cremino in mezzo ai razzi della bici x fare il motore

noi ke con gli stessi stekki facevamo la zattera da mettere nelle fontane dei giardinetti

noi ke nei giardinetti, giocavamo a palline

noi ke il cellulare era quello della polizia

noi ke "te voi mette co me" era d'obbligo x baciare una ragazza

noi ke tornati da scuola vedevamo "oggi le comiche"

noi ke leggevamo topolino, zagor , capitan mark, tex willer....

noi ke giravamo col mangiadischi portatile

noi ke cantavamo sul motorino x strada a squarciagola

noi ke andavamo in discoteca solo x uno scopo e non era quello di drogarsi

noi ke rispettavamo gli anziani e i genitori erano genitori anke se sbagliavano

giravamo a carnevale cio vestiti da grandi..

penso ke ogniuno di noi abbia qualcosa ancora da mettere.

grande sime'
m'hai fatto torna' indietro de 30 anni.

franchino ha detto...

Bello bello Master!
Per il "momento nostalgia" aggiungo:
http://it.youtube.com/watch?v=U3j8DRah4tE
http://it.youtube.com/watch?v=H_23GD0Vlbs

Mic ha detto...

Noi che in classe si giocava con una palla fatta di stagnola arrotolata, e come arrivava la maestra la si nascondeva nell'armadietto in fondo

noi che si stava pomeriggi interi a guardare se le lumache uscivano dal guscio

noi che prima e dopo la partita di pallone si faceva tutti pipì insieme contro il muro

noi che in tv si guardava remì e dovevi chiamare la mamma finita la sigla per farti leggere il titolo

noi, che dopo la prima partita, la rivincita e la bella si finiva con "chi vince questa vince tutto" e il pallore era il tango

Bei tempi e bello il post, per non dimenticare e aiutarsi a ricordare cose che non ci sono più, ma profumano ancora di buono.
E bravo, Master!

Ale_1957 ha detto...

Noi che si giocava a calcio in strada e il più brocco stava in porta...

Noi che facevamo il tifo per l'Italia a "Giochi senza frontiere"

Noi che Sanremo era il festival della canzone e non dei cantanti (ogni canzone era cantata da due interpreti diversi)

Noi che la domenica pomeriggio si andava all'oratorio al catechismo e dopo a giocare a biglie o a figurine

Noi che le maglie delle squadre di calcio non avevano nè lo sponsor nè i nomi ma solo il numero

Noi che vedevamo giocare in serie A il Lecco, la Spal, il Lanerossi Vicenza, la Pro Patria....

Noi che facevamo il tifo per Gimondi ma vinceva sempre Merckx...

Noi che la pagella la si portava a casa ogni tre trimestri....

Noi che si andava a comperare il latte nelle bottiglie di vetro...

Noi che sotto le elezioni per il paese passavano col megafono e spargevano i volantini...

Noi che in politica avevamo il Piccì, la Diccì, il Pissì, il Psiup, il Pidiùm, il Pli, il Pri...

Noi che se vedevi un "nero" era una scoperta da raccontare....

Noi che a scuola non si capiva niente perchè la maestra "terrona" non ci parlava come i nostri genitori...

Noi che se incontravi il prete gli dicevi "riverisco"...

(si lo sò che sono un pò su di età.... ma che nostalgia ragazzi!!!)

GIAN CARLO ha detto...

Noi, ke avevamo i pantaloni corti pure d'inverno.

Noi, ke facevamo parte de 'na banda.

Noi, ke alle 15.30 della domenica sentivamo Sandro Ciotti in tutto il calcio minuto per minuto.

Noi, ke facevamo la conta pe palla o porta.

Noi, ke le sigarette le vendevano sfuse.

Noi, ke a Trastevere ce abitavano quelli de Trastevere.

Noi, ke davanti casa mia ce pascolavano le pecore è oggi i regazzini che ce abitano una pecora l'hanno vista solo a super quark.

Master Runners ha detto...

Noi che quando il televisore non si vedeva bene gli davamo una botta di lato o sopra e tornava a vedersi bene

Noi che mangiavamo le zampette di gallina col sugo

Noi che chi aveva il pallone decideva la squadra

Noi che anche se perdevamo 10 a 0 " chi fà l'urtimo gol vince!"

Noi che giocavamo col Meccano

Noi che i film al cinema li vedevamo 2 - 3 - 4 volte fino alla chiusura del cinema o quando veniva a cercarti mamma o papà

Noi che al pranzo di Natale recitavamo la poesia di Natale e poi passavamo col piattino

Anonimo ha detto...

noi che guardavamo la serie "ufo" col comandante straker

noi che facevamo bob a 2 sui cartoni ai montarozzi

noi che si faceva il bagno in marrana (oggi le hanno deviate... rivojo la marana!)

noi che mi padre manco c'aveva la machina

noi che in puglia, in casa di mia nonna, il wc e l'acqua corrente arrivò nel 1984

noi che ci piaceva vicky il vichingo e supergulp

noi che ridevamo col brancaleone di gassman

noi che nessuno si vestiva bene se no lo chiamavano "pariolino" e veniva emarginato

noi che quando si passeggiava si trovavano sempre soldi per terra

noi che eravamo in 30 a giocare a pallone, arrivava uno zingaro e ci fregava il pallone e nessuno si azzardava a dirgli "a"

noi che i coatti del quartiere sono tutti morti di overdose

noi che annavamo a fa' i testacoda cor cinquino a largo colli albani ancora sterrato

noi che le pischelle dicevano che ero brutto, però alle feste, al buio, litigavano che volevano tutte ballà co me...

noi che la rai mandava sceneggiati meravigliosi e non c'era quello schifo di mediaset

noi che alla "tv dei ragazzi" trasmettevano i documentari "avventura" e cominciavo a sognare i grandi viaggi osservando carlo mauri in pamir o valter bonatti sul cerro torre

erano belli gli anni di piombo (piombo per chi?). luciano er califfo.

Michele ha detto...

Eccomi a seminare zizzania, come siete vecchi!! Adesso accendo il mio voloplano ad idrogeno e vado a farmi un drink sulla fascia di orione con i miei giovanissimi amici di plutone !!!!!!

Nick.12 ha detto...

Magnifico questo post...

noi che quando nevicava tanto tanto, ci si metteva sdraiati in mezzo alla strada perchè non andava nessuno in macchina
Ciao Nick

Anonimo ha detto...

una domanda: ma se tutti rimpiangono i vecchi tempi, che OBIETTIVAMENTE erano migliori, perchè la società si evolve in senso opposto? luciano er califfo.

carlo ha detto...

noi che a carnevale si faceva la gara a chi con la schiuma da barba arrivavav più lontano

noi che giocavamo a pallone sui campi de puzzolana e che le doccie erano fredde e gli spogliatoi erano all'aria

noi che la differenziata non sapevamo che era perchè c'era soltanto un bidone di quelli di ferro piccoli per abitazione

noi che c'era la miscela al 4%

noi che c'era nostro cugino per fare a botte

noi che tagliavamo le code delle lucertole,che squagliavamo le lumache con l'alcol e che le notti d'estatei c'erano ancora le lucciole

noi che se facevamo a botte e le prendevamo dovevamo sta pure zitti senno mamma ce le dava il doppio

noi che il pomeriggio c'era paolo bonolis con bim bum bam e alle 9.00 tutti a letto

noi con il commodore 64,20,16 (bo non me li ricordo neanche più)

noi e i mondiale del 82... irripetibili

Monica ha detto...

bello master, proprio bello!! sono sicura che se ci impegnamo riusciamo a trovare delle cose positive anche per il momento in cui stiamo vivendo..ma dovremmo impegnarci troppo e oggi e domenica....