martedì 8 luglio 2008

Come mantenere il fiato nella pausa estiva



Non è facile continuare a correre con questo caldo, ma se non si vuole perdere la condizione fisica ottimale raggiunta in inverno, bisogna soffrire ancora.
Stò cercando di mantenere le 4 uscite settimanali, corsa lenta, niente lavori, solo corsa lenta.
Con l'aiuto poi del nuovo acquisto stò tonificando un pò le gambette storte.
Venerdi posso dire che è stata, dopo tanti anni, la mia prima uscita in bicicletta!
Sono stato un ora circa alla zona industriale a fare praticamente scuola guida!
Già prima di uscire per strada ho fatto 30 minuti in garage le prove per lo sgancio degli scarpini per evitare figuracce ai semafori! ;)
Sabato e Domenica ho finalmente fatto le prime vere uscite, Venerdi 31km e Sabato 35km.
Le parti che mi preoccupavano di più (gambe e "culo") non mi hanno dato per niente fastidio, ma la zona dei reni (lombari) li ho a pezzi, mi dicono dipenda dalla posizione sbagliata, dovrò modificare sicuramente l'altezza della sella e non so che altro, ..........farò un po di prove.
La cosa che mi è piaciuta di più è la discesa, nonostante un tratto a 50km/h con la marcia alta c'era ancora da pedalare, sensazione bellissima,..... e anche un pò di paura del tipo "pensa se buco! Sai che botto!".
Dicono che una volta salito poi non scendi più!
Mi ci manca un altro "vizio" oltre alla corsa!
Ieri tanto per non perdere l'abitudine però ho fatto la mia solita corsetta lenta di un ora sotto il caldo di Luglio.
Non vedo l'ora che arrivi un pò di fresco, .........e le ferie!

(Foto: sul muro del Marathon Expo Excel a Londra 2008 il mio biglietto, e devo dire che ha funzionato alla grande!)

5 commenti:

Michele ha detto...

i dolori sono sicuramente dovuti all'adattamento, occhio alle misure sella , e anche che le tacche delle scarpe siano a posto .Io uso la MTB e quando ho indietreggiato la tacca sotto la scarpa nuova vita e che siano dritte se no pedali con le gambe storte

Mic ha detto...

Eccoti la mia filosofia: Penso che con questo caldo sia difficile allenarsi, ma bisogna continuare, anche senza dannarsi sui tempi, che adesso per forza di cose non arrivano. Mettiamo fieno in cascina, godiamoci l'estate e poi cerchiamo di finalizzare in autunno. I lavori che si fanno adesso non vanno comunque persi!

Master Runners ha detto...

Michele, oggi ho modificato la posizione della sella (un pò più alta) e sembra che andava meglio, vediamo nei prossimi giorni.
Mic, sicuramente le uscite di questi giorni non vanno perse, quello che perdiamo è un pò di "performance", ma come dici tu finalizziamo in autunno. ;)

Alvin ha detto...

Più leggo i post di Christian e i tuoi e più mi convinco di non voler provare la bici... diventerebbe sicuramente come la corsa...Na droga... il giorno che voglio cambiar moglie però la proverò sicuramente!!!

Giulyrun ha detto...

Io ho fatto il percorso inverso. Dalla Bici alla Corsa. Per la cronaca anch'io ho una Cannondale -colore Fucsia cangiante - E' un anno e mezza che non la uso- Ho avuta la nausea e non mi attira più.